Close
Type at least 1 character to search
Back to top
  • Intervista all'artista urbano spagnolo Mikel Remak: "I think my works tell of a search. A search that is not always clear or evident. A relationship between the spiritual and the earthly. An invitation to travel through abstract landscapes."

  • Intervista con Antonino Perrotta su Diamante Murales 40: "Penso che la figura del curatore urbano sia essenziale per la sintesi di questi progetti. E’ una figura professionale ancora non riconosciuta e non formata del tutto in quanto ci troviamo di

  • Intervista con l'artista urbano olandese GOMAD: "As an artist you always keep developing and renewing your style. The realism and surrealism is always part of my work: realism with the way I paint my eyes, portraits, flowers, and birds, and

  • Intervista con l'artista di strada polacca NeSpoon: "Non mi sono mai piaciuti i pizzi. Prima di iniziare a lavorarci, pensavo che il pizzo fosse qualcosa di antiquato, da appartamento polveroso di una nonna. Oggi mi sembra che in ogni pizzo

  • Intervista con l'artista spagnolo del neon SPIDERTAG: "La composizione è fondamentale per l'arte di strada e il muralismo. Si lavora con lo spazio. E poi uso il mio linguaggio, un linguaggio personale creato da segni primitivi e dalla geometria di

  • Intervista con Dominique Barlaud su MONEY FOR NOTHING: "Il progetto è diventato concettuale mentre veniva ideato. Ciascuna delle opere è stata acquistata e alcune delle banconote sono pezzi da museo. Tramite lo status legale voglio assicurare il carattere indivisibile e

  • Intervista con l'artista fiorentino MONOGRAFF: "Riassumendo cerco ispirazione in chi riesce a realizzare interventi che abbiano un legame vero con il luogo, che non permettano che le loro opere vengano strumentalizzate da pubblicità o istituzioni, e che, a costo anche

  • Intervista con l'artista berlinese KERA: "Sono motivato dai progetti all’aria aperta. Creare qualcosa con le mie mani ed essere fisicamente attivo. Lo scambio e le influenze di diverse città, Paesi e culture. Imparare a conoscere diverse persone e il loro

  • Intervista con l'artista di strada torinese MORB: "La street art è un arte che oserei dire ha un impatto più collettivo. Avvicina le persone e le distacca dalla loro vita, le aliena per qualche istante, le immerge in una dimensione

  • Intervista a Marco Mantovani, direttore artistico di Stradedarts e organizzatore del festival Quattordio Urban Art, nonché pioniere della scena milanese del graffiti writing, attivo in strada dal 1988 con il nome di KayOne: "Il muro di Phase 2 e Delta

  • Intervista con il pittore e artista di strada spagnolo Gerbos Mad City: "L’interazione con le persone è sempre stata l’idea principale e il senso della mia pittura e del mio creare, perché la ragione per fare e vivere è condividere

  • Intervista con il pittore e artista urbano romano Marco Rèa: "L'arte rende una società più matura e sensibile. Immagino una persona qualunque che, camminando, viene totalmente rapita da un lavoro su un muro. Magari non ne coglie completamente il senso

  • Intervista con il pittore e muralista italiano Gola Hundun sul suo nuovo progetto HABITAT: "Il regno naturale ha sempre influenzato e guidato l’immaginazione umana e continuerà a farlo. La forza generatrice della natura è in qualche misura un atto artistico."

  • Intervista con il pittore e muralista italiano Gola Hundun: "Il mio desiderio non è solo di fare riflettere, ma anche di incitare ad avere una posizione attiva, reattiva, operare scelte coscienti per il presente e per il futuro. Mi riferisco,

  • Intervista con l'artista romana di paste-up LAIKA MCMLIV: "La strada è la più grande galleria d’arte del mondo, la più democratica, la più immediata e diretta. L’arte di strada riesce a raccontare il mondo in maniera quasi istantanea, spesso sintetizzando

  • Intervista con il muralista iperrealista TANK: "L'arte urbana si caratterizza per il suo approccio senza compromessi con lo spettatore più di qualsiasi altra forma d'arte

  • Intervista con la fotografa urbana Elisabetta Riccio: "La mia idea di spazio urbano è quella di un pianta che perde continuamente vecchie foglie per farne nascere di nuove; la mia fotografia documenta la sua trasformazione con rigore,

  • Intervista con street artist John Park: "La mia arte è piuttosto codificata, astratta. Parla della vita, elaboro tutto quello che mi viene in mente, che mi emoziona."

  • Intervista con Alessandra Arpino, project manager e curatrice di Forgotten Project: "L’immediatezza dell’arte urbana è oggi più che mai un’arma a doppio taglio."

  • Intervista con l'artista urbana francese Zelda Bomba: "Vorrei che l’arte facesse parte del quotidiano quanto un TG o un caffè al bar; una cosa democratica, accessibile a tutti, a portata di mano."